Chi ci pensa ai giovani stagisti?

17 Aprile 2020
by Gd Marche

Tutte le federazioni marchigiane si uniscono all’appello lanciato dai Giovani Democratici Milano.

Tutti insieme chiediamo al Governo che, in questo momento difficile alcune categorie, come i giovani impegnati in tirocini extracurricolari, non vengano dimenticati ed esclusi da ogni forma di tutela emergenziale all’interno dei prossimi decreti, come è già successo in quelli passati.

Qua sotto vi riportiamo il testo integrale della lettera:

Gentili membri di Governo e di Segreteria del Partito Democratico

Come sapete, la pandemia colpisce più duramente i più deboli: in ambito economico, tra essi spiccano i giovani. Questo è dovuto alle condizioni del mercato del lavoro italiano che, con un tasso di disoccupazione giovanile già prima del virus intorno al 30%, rendono molto debole la posizione contrattuale dei neo-lavoratori, costretti spesso ad accettare qualsiasi offerta.

Noi vi scriviamo a nome dei giovani impegnati in un tirocinio extracurriculare, che dovrebbe essere un momento formativo e non un contratto lavorativo, tuttavia spesso è abusato come forma di lavoro sottopagato e sotto-tutelato per assumere giovani in mansioni ordinarie. Per questo i tirocinanti fungono molte volte da lavoratori effettivi, passando da un tirocinio all’altro senza mai risultare veri dipendenti e perciò senza benefici quali ferie, malattia o contributi.

Allo scoppio dell’emergenza COVID-19, tante Regioni hanno consentito (in alcuni casi obbligato) la sospensione o la terminazione anticipata dei tirocini, a differenza di quanto invece prevede per i lavoratori dipendenti l’art. 46 del Decreto Cura Italia. È stato così interrotto il percorso e la retribuzione di quei tirocinanti: non essendo lavoratori dipendenti, per loro non vi è né cassa integrazione né assegno di disoccupazione, e non sono beneficiari di alcuna forma di tutela emergenziale all’interno del Decreto.

Per di più, si tratta spesso di giovani che si sono trasferiti in un’altra località rispetto a quella di residenza, coprendo affitto e spese di vita (almeno in parte) con il loro compenso. Ora che la loro retribuzione è sospesa, devono comunque sostenere le stesse spese, che ricadono quindi sulle loro famiglie il cui reddito è stato in molti casi già danneggiato dall’emergenza COVID.

È urgente perciò che Stato e Regioni si adoperino per incentivare la continuazione dei tirocini in modalità agile. Inoltre chiediamo che il reddito di emergenza, o qualsiasi altro strumento nel Decreto di aprile, venga riconosciuto anche a coloro il cui tirocinio extracurriculare è stato sospeso o terminato in anticipo. È una necessità sociale, per consentire a questi giovani di mantenersi; morale, per riconoscere la dignità del loro lavoro; e sanitaria, perché in assenza di un reddito i tirocinanti saranno costretti a tornare dalle famiglie, rischiando di portare a casa il virus.

Confidiamo nella vostra sensibilità e vi ringraziamo per l’attenzione,

Federazioni dei Giovani Democratici di tutta Italia

https://www.giovanidemocraticimilano.com/post/appello-governo-non-lasciamo-soli-tirocinanti-covid

About

Lascia un commento