Ripartiamo da zero

25 Settembre 2017
159 visualizzazioni

Da più di un anno a questa parte la mia Federazione sta attraversando un periodo buio, in cui tutto è fermo e non si riesce a ripartire. In questo periodo di stasi abbiamo visto chiudere circoli, allontanarsi persone, demotivazione dei militanti e spaccature interne, partite a livello nazionale ma che hanno avuto ripercussioni anche sulle piccole realtà come la mia. Per questo motivo, il nostro obiettivo principale è quello di tornare tra la gente e appassionare di nuovo i nostri coetanei alla vita politica, aprire nuovi circoli e cercare una rete giovanile in tutta la Provincia in modo tale da poter lavorare al meglio su tutto il territorio. Tutto ciò è possibile solo tornando a svolgere il vero ruolo della giovanile, ruolo che in questi anni abbiamo decisamente perso su tutti i fronti caricandoci sulle spalle i problemi del partito venendo meno alle nostre priorità e talvolta perdendo anche la nostra identità come Giovani Democratici. Non siamo solamente i portatori di voti alle lezioni, gli addetti al volantinaggio e all’organizzazione della Festa De L’Unità, siamo soprattutto un investimento, o meglio il futuro del partito. Lavoreremo affinchè le nostre voci e le nostre idee vengano ascoltate, affinchè il rapporto tra giovanile e partito non sia più subordinato ma collaborativo, fondendo esperienza ed innovazione per un arricchimento da entrambe le parti. Dobbiamo tornare ad avere fondamenta solide, tramite un’organizzazione pianificata, cercando di darci scadenze da rispettare, perché quello che ci è mancato principalmente è la concretezza. Sarà necessario agire sul territorio , recuperare visibilità, fare iniziative che attraggano i nostri coetanei e portare avanti idee in cui possano riconoscersi. Il mio progetto per i prossimi anni riguarda sia iniziative in cui tratteremo i temi che stanno più a cuore al nostro territorio, sia momenti più ludici, di condivisione e di confronto interno. Stiamo lavorando, per esempio, insieme alla provincia di Macerata, ad un progetto sulla prevenzione sismica con il Dipartimento Nazionale Associazionismo e Terzo Settore. Un altro obiettivo è quello di lavorare in sintonia con il Regionale per organizzare iniziative riguardanti Lavoro ed Europa. La nostra Provincia non ha bisogno di qualcuno che lavori come singolo e delle ambizioni personali di nessuno, ma di una squadra unita, della partecipazione attiva di tutti, e, elementi essenziali, tanta passione e voglia di rimettersi in gioco. Come disse Berlinguer:”Ci si salva e si va avanti se si agisce insieme e non uno per uno.” Ripartiamo da zero e diamo un nuovo volto a questa giovanile.

Ilaria Chiovini

Segretaria federazione Ascoli Piceno