Il Tavolo Ambiente: la sinergia tra Politica e Associazionismo

26 Luglio 2020
222 visualizzazioni

Spesso, quando organizziamo eventi destinati ai ragazzi e le ragazze dei Giovani Democratici, ci raccontiamo che sono bellissimi, e che stiamo seguendo la strada giusta. Nessuno/a lo mette in dubbio, ma manca qualcosa. Il grande potenziale che la pletora dei tesserati della Giovanile possiede, rischia di essere destinato all’auto-referenzialità, a stimolare un dibattito che non riesce mai ad uscire dai nostri confini. La politica è l’arte del perseguimento del bene comune, della costruzione di comunità con valori e idee determinate. Non possiamo costruire una comunità se non ci rivolgiamo alla comunità stessa. Non possiamo convincere qualcuno/a delle nostre idee, se ce le raccontiamo solo a noi stessi.

La nascita del Tavolo Ambiente

Questa mancanza di apertura verso l’esterno è ciò che ha prodotto il Tavolo Ambiente, un’iniziativa tematica che prevede la partecipazione dei Giovani Democratici di Pesaro-Urbino insieme alle associazioni ambientaliste del territorio. Partire dall’ambiente come tema era una destinazione obbligata, vista la cogenza dell’argomento. Le questioni climatiche hanno unito una generazione intera, e dato vita ad una rete enorme di associazioni e gruppi sparsi in tutto il mondo. Il più famoso è Fridays For Future, movimento ambientalista nato dalle idee di Greta Thunberg, giovanissima attivista svedese che ogni venerdì della settimana faceva “scioperi climatici” non andando a scuola, in segno di protesta contro le politiche vecchie e menefreghiste della classe dirigente mondiale. Al Tavolo Ambiente ha infatti partecipato Fridays For Future Urbino, distaccamento Urbinate del movimento globale.

La battaglia per la difesa dell’ambiente è un cardine dei Giovani Democratici, che non possono esimersi dall’intraprenderla, anche se non è il tema più in voga del momento. Movimenti come Fridays For Future, che della difesa dell’ambiente ha fatto la propria bandiera, deve ispirarci nella ricerca di nuove energie e nuove idee. La spinta propulsiva che arriva dalle associazioni ambientaliste è un indispensabile motore ideologico. I Giovani Democratici non possono ridursi all’amministrazione, e al farsi dettare l’agenda dal Partito Democratico o da altri gruppi. Allo stesso tempo, la chiave di questa sinergia tra attivismo e politica è bidirezionale.  I Giovani Democratici possono fungere, in questo senso, da guida politica e amministrativa di associazioni che mirano a realizzare determinati scopi. È la politica che modifica le leggi, cambia i regolamenti, plasma il tessuto sociale ed economico. La nostra esperienza politica può essere la porta d’ingresso delle associazioni verso la concretizzazione delle loro idee. Noi possiamo insegnare ad associazioni ambientaliste come funziona la macchina amministrativa, cosa bisogna fare per cambiare una norma, dove intervenire per convertire le idee in proposte. In una frase: cosa può fare la Politica.

 

La Politica è di tutti

Non tutti vogliono fare politica, ma la politica è il centro della vita di tutti. Recuperiamo la miriade di ragazzi e ragazze sparsi nelle associazioni per dare più forza alla nostra voce. Politica è  perseguimento del bene comune. Il Tavolo Ambiente nasce per unire la forza idealista delle associazioni ambientaliste, e l’esperienza politica dei Giovani Democratici. La generazione che verrà dovrà fronteggiare un mondo sempre più complesso, e le sfide che ci attendono non possiamo affrontarle da soli.

Ma non si tratta di un’iniziativa simbolica. Il Tavolo Ambiente vuole essere concreto. La struttura del Tavolo si articola infatti in una serie di incontri, organizzati come dibattiti dedicati a temi specifici. I ragazzi e le ragazze dei Giovani Democratici si incontrano infatti con gli attivisti delle associazioni ambientaliste e discutono del tema prescelto. Il confronto mira a generare proposte concrete da sottoporre alle amministrazioni e non, sul modello della Costituente delle Idee dell’estate 2019. Di volta in volta si seleziona un argomento di cui discutere tramite un sondaggio nel gruppo, dove la maggioranza esprime l’indirizzo. Il Tavolo Ambiente si propone quindi come incubatore di idee e proposte politiche, ma anche come piattaforma di confronto tra Giovani Democratici e associazioni ambientaliste.